Sei qui: Home -> Notizie -> LA CAMPAGNA di SCAVO 2013 in Località SCORPO
20-01-2018 - 06:26:59
PDF  Stampa  E-mail 
Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Ottobre 2013

LA CAMPAGNA di SCAVO 2013 in Località SCORPO

stemma paintEstratti con cura da mani esperte, dal terreno in località “Scorpo” continuano a venire alla luce resti,  frammenti di vita quotidiana dell’antico villaggio altomedievale la cui memoria è custodita nel Museo del Bosco (MuBo), all’interno del Castello Comunale Manfredi. Vai nella sezione "Gallerie fotografiche" per vedere le foto de – "LA CAMPAGNA di SCAVO 2013" in Località SCORPO” o clicca qui.

Dopo le campagne di scavo 1999, 2004 e 2007, luglio 2012, anche quest’anno, per tutto il mese di ottobre 2013, l’équipe di Archeologia Medievale dell’Università del Salento, sotto la direzione scientifica del Prof. Paul Arthur, ha condotto un’importante ricerca concentrata nell’area settentrionale del sito. Grazie alla competenza e all’impegno del Coordinatore, Dott. Marco Leo Imperiale, della Dott.ssa Tiziana Dinoi, degli altri collaboratori, i Dott.ri  Antonio Casarano, Debora Lagatta, Claudia Abatino, Stefano Calò, Martina  De Luca, Silvia D’Aquino, l’indagine ha confermato una possibile frequentazione temporanea successiva al villaggio bizantino (di VII-VIII secolo) già individuata nel 2012 grazie al rinvenimento, negli strati superiori del crollo, di una brocchetta riferibile al X-XII secolo. «La rimozione del crollo – fa notare il Dott. Imperiale - ha dimostrato infatti come questo sia avvenuto in due momenti successivi: uno, riferibile all’abbandono del sito, caratterizzato dalla presenza di lenti di terreno cineroso, resti di carboncini, ossa animali e pietre con tracce di bruciatura e un buon numero di laterizi; l’altro, più tardo, caratterizzato da una minor presenza di resti organici e da  frammenti di ceramica databile all’ XI secolo». «Inoltre – aggiunge la Dott.ssa  Dinoi  - è stata interamente scavata un’ulteriore Fossa (Fossa 5), già individuata nel 2004. Anch’essa, come le altre presenti nell’area archeologica, era riempita di strati con materiali ceramici, ossa animali, resti antracologici e scorie forse relative alla lavorazione dei metalli (in corso di studio come oggetto di tesi specialistica)». Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale  esprimono un sincero plauso all’équipe per le attività a favore dell’incremento del patrimonio storico e culturale di Supersano, rivolgendo anche  un sentito grazie e grande apprezzamento al   Sig. Fernando Giannuzzi, ora domiciliato a Castelplanio (AN), il quale  ha donato al Museo del Bosco due splendide monete - una di epoca romana romanaic, l’altra  di epoca bizantina follisic,  risalente all’imperatore Leone VI - , da lui rinvenute anni fa  durante lo scavo delle fondamenta della sua abitazione a Supersano in zona ‘Ponte’.  Un cordiale ringraziamento, infine,  al Sig. Elio Modugno che, pur risiedendo in  Svizzera, ha sempre a cuore  la natio Supersano e si è fatto tramite perciò tra il Comune  e l’amico Sig. Giannuzzi, mostrando ancora una volta con il suo interessamento quanto grande sia l’amore per i luoghi d’origine dei nostri conterranei che vivono all’estero.

Prof.ssa Maria Antonietta Bondanese - Consigliera Cultura e Istruzione

Pagina creata ( Venerdì 25 Ottobre 2013 )
 
Comune di Supersano
Piazza Quattro Novembre - 73040 Supersano (LE)
Tel. (+39)0833.632514 - Fax (+39)0833.632579
Posta Elettronica Certificata: segreteria.comune.supersano@pec.rupar.puglia.it
C.F. P.IVA 81000310755

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. I siti web del Comune di Supersano utilizzano cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e l'uso delle applicazioni online. Proseguendo la navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi l'informativa estesa sulli'uso dei cookie dove sono specificate le modalità per configurare o disattivare i cookie. Maggiori informazioni.

Accetto i cookie da questo sito.